mercoledì 19 agosto 2015

Menfi, vigne, sale e vento.

Siamo quasi al  termine delle ferie , mancano pochi giorni al rientro in ufficio, e decidiamo di fare delle  gitarelle  giornaliere sul nostro territorio siciliano , e dopo aver prima  fatto un bel  giro dedicato all'archeologia decidiamo di  tuffarci in mare...
Partiti da Palermo direzione 
Selinunte, per visitare il sito archeologico , ci lasciao alla spalle  Marinella e proseguiamo  in auto sulla statale che inizialmente sembrava costeggiare la costa, in cerca di una  spiaggia .
Restiamo  subito delusi dal vedere pochissime spiagge, molte erano i dirupi con mare a strapiombo , viste  meravigliose ma per accedervi molto complicato, poi improvvisamente la strada abbandona il mare e si inabissa  verso l'interno , e iniziamo a  girare alla ricerca di indicazioni che  ci segnalino il mare , che ora riuscivamo solo a  vedere  all'orizzonte sempre più lontano. 

E ' così che ci ritroviamo immersi in  immense distese di vigneti, campi e campi di vigneti, il mare lontano ma si percepisce l'odore di salsedine portato dal vento .
Sembrava quasi ci accompagnassero nel nostro itinerario improvvisato.
Tante , davvero tantissimi vigneti , nonostante abito in questa terra e sapevo  che le zone sono prodruttrici di vini dei migliori siciliani non avevo mai avuto modo di vederle così  da vicino.
I vigneti, che  casualmente mi sono trovata a vedere , sono quelli della   Cantina Settesoli 
 di cui al link allegato potrete leggerne la storia.

 
Dopo esserci ubriacati dell'aria della vigne miste al sale portato dal vento , scorgiamo in lontananza il mare a toccare  quasi le vigne, e l'indicazione Porto Palo   finalmente la spiaggia , dove abbiamo goduto della splendida acqua fredda e cristallina , avvolti dalla salsedine sdraiati sulla soffice sabbia  giallo scuro.
Una giornata indimenticabile ricca di relax e scoperte , consiglio a  tutti coloro che  hanno desiderio di stare a stretto contatto conla natura e non amano i posti affollati di lidi e ombrelloni e ama godersi in completo relax lo splendore che la natura ci regala , traendo da essa i benefici che  ci aiutano a rigenerarci per affrontare un  nuovo anno di lavoro.


Le foto sono state reperitein rete purtroppo non avevo con me la macchina fotografica, per  cui ho preso la foto in prestito ricercandole su google.

Nessun commento:

Posta un commento